full
color
#666666
http://www.archisal.it/wp-content/themes/zap-installable/
http://www.archisal.it/
#f6813e
style2
+39 071 20 22 08

Storia

 

Lo Studio è stato fondato nel 1954 dall’ingegnere Claudio Salmoni e dall’architetto Paola Salmoni.

Negli anni ’50 l’attività si è concentrata in modo particolare nella città di Ancona ove lo Studio ha partecipato con vari progetti alla ricostruzione postbellica della città. Di rilievo alcuni edifici di edilizia popolare INACASA nel quartiere Adriatico e la scuola Elementare Benincasa alla Palombella di Ancona.

Nel 1959 lo Studio partecipa al concorso per il Nuovo PRG di Ancona, in un raggruppamento di professionisti guidato da Giovanni Astengo, risultato poi vincitore.

Gli anni ’60 rappresentano l’espansione dell’attività dello Studio in campo regionale e nazionale. Iniziano numerose collaborazioni con altri architetti, in particolare con Ludovico Quaroni, per il PRG di Ravenna e l’ampliamento della Cassa di Risparmio della stessa città (Premio INARCH 1969); con Mario Coppa e Mariolina Ottolenghi per il PPE dei rioni storici di Ancona; con Giancarlo de Carlo e Bruno Zevi per gli studi sulla riforma della scuola e per l’attività dell’INU; con Gianni Zani; con Pericle Fazzini per il Monumento alla Resistenza di Ancona e con molti altri professionisti.

Nel 1966 lo Studio collabora alla redazione del Piano Territoriale di Sviluppo delle coste del Cilento su incarico dell’Ente Cassa per il Mezzogiorno (Campania).

L’anno successivo Claudio Salmoni è tra i fondatori dell’ISSEM (Istituto Studi delle Marche-Laboratorio di studi e ricerche regionali propedeutiche alla istituzione delle Regioni). Sono di quegli anni i Piani Regolatori e attuativi di varie città marchigiane: Civitanova Marche, Tolentino, Sarnano, Falconara Marittima, ed alcune opere quali l’Ospedale di Senigallia, l’Istituto d’Arte di Ancona (premio INARCH 1965).

Dopo la prematura scomparsa di Claudio Salmoni, agli inizi degli anni ’70 Paola Salmoni apre lo Studio alla collaborazione continuativa con Valerio Paci e poi con Anita Sardellini, Massimo Di Matteo e Rodolfo Antonucci. Numerosi in quegli anni i progetti di architettura: la nuova sede della Regione Marche; la Sede del Credito Fondiario Umbro-Marchigiano; alcune parti del nuovo Ospedale di Ancona; l’accesso delle Grotte di Frasassi di Genga (An); edifici residenziali e ville, tra le quali spiccano casa Cagnoni, casa Modena, casa Cagli e la Palazzina in via Panoramica ad Ancona.

Nel 1981 entra a far parte dello Studio l’architetto Vittorio Salmoni e nel 1987 l’architetto Giovanna Salmoni. Dal 1985 lo Studio inizia una stretta collaborazione professionale, che dura tutt’ora, con l’architetto Pippo Ciorra. Nel 1987 Paola Salmoni è incaricata con Danilo Guerri del progetto del Teatro della Muse di Ancona.

Negli anni novanta lo Studio intraprende un’intensa attività di progettazione per il restauro ed il recupero del patrimonio storico architettonico e di beni culturali, tra cui il restauro dell’ex convento di S. Domenico a Camerino, di Villa Salvati a Monteroberto (An), di numerose chiese dell’alto maceratese, di villa Favorita ad Ancona, oggi sede dell’ISTAO (Istituto Adriano Olivetti), del Teatro Mercantini di Ripatransone.
Nel 2001 lo Studio assume la struttura di associazione professionale con la denominazione Studio Salmoni Architetti Associati.

 

scroll
Caricamento articoli...
link_magnifier
#8e969a
on
loading
off