Archisal- Ristrutturazione edificio colonico OK COPERT

Intervento di ristrutturazione con ampliamento
Di un ex edificio colonico e piscina

Un’eredità recuperata

COLOPHON

Progetto architettonico:

ARCHISAL Studio Salmoni Architetti Associati

Arch. Vittorio Salmoni

Arch. Giovanna Salmoni

Progettazione strutturale:

Ing. Giuseppe Lucarini

Progettazione impiantistica:

INGENIO S.r.l._Società di ingegneria

Studio geologico-geotecnico:

Geol. Piergiacomo Beer 


IMPRESA Crucianelli Rest Edile S.r.l.

DETTAGLI

Luogo: 

Sirolo (AN)

Committente: 

Privato

Anno di redazione: 

2011

Anno di Realizzazione: 

2011-2016

Tutela: 

D.Lgs. 42/04 art.142 Legge

quadro sulle aree protette –

Leg. 6/12/91 n. 394 Legge

Regionale 28/04/94 n. 15 –

Norme relative alle aree protette regionali

Previous
Next

Erede di un più ampio patrimonio rurale voluto dal conte Bianchelli alla fine dell’Ottocento, il complesso edilizio sorge ai margini del tessuto urbano, in un contesto di grande valore paesistico ambientale all’interno del Parco Naturale del Conero. Attraverso il recupero delle volumetrie demolite e l’applicazione del bonus “Piano Casa” il concept progettuale ha perseguito l’eliminazione dello stato di totale abbandono e pericolo in cui versavano i fabbricati colonici e la valorizzazione in termini morfologici, funzionali e tecnologici dell’intero episodio, nel rispetto della normativa antisismica, igienico sanitaria e con massima attenzione al risparmio energetico e al miglioramento bioclimatico degli ambienti di vita.

La qualità architettonica dell’intervento emerge dalla conservazione dei caratteri tipologici dell’edilizia rurale marchigiana, quali la scala esterna, le finestrature contenute a doppia anta ed i solai in legno con travi e tavolato a vista, presenti nel fabbricato storico e riproposti in chiave moderna nel nuovo volume innalzato a sud-est. Dalla nuova distribuzione interna sensibile alle murature storiche, allo studio sull’orientamento degli edifici, rivolto ad un maggior dialogo con il panorama circostante, fino al ridisegno delle sistemazioni esterne, differenziate in spazi ad uso domestico e aree libere, e alla collocazione della piscina a sud-est, progettate allo scopo di accrescere la funzionalità e la valorizzazione ambientale del complesso in relazione al contesto in cui esso si inserisce.