Archisal- Fabriano La casa di Ester COPERT

La Casa di Ester

Mostra permanente della collezione Ester Merloni donata alla città di Fabriano

COLOPHON

L’ esposizione della collezione d’arte è stata

promossa e sostenuta dalla Famiglia Merloni

quale omaggio a Ester Merloni e al gesto

che Ella ha compiuto verso la città di Fabriano e

verso il patrimonio culturale italiano.

 

Ideazione della mostra:

Francesca Merloni

Organizzazione generale e produzione:

Vittorio Salmoni

Civita Noemi Gambini 

Fondazione Aristide Merloni Caterina Massi

Coordinamento scientifico:

Luisa Laureati Briganti 
con Giulia Lotti

Allestimento e progettazione:

ARCHISAL Studio Salmoni Architetti Associati

Vittorio Salmoni

Raffaela Coppari 
con Viviana Bizzarri

Interventi di:

Gregorio Botta

Realizzazione:

Guidobaldi S.p.A 
Gabriele Simei

Impianti elettrici e illumotecnici:

Nuova Ciem

Trasporti:

Guidobaldi S.p.A.

Fotografie:

Claudio Ciabochi

Video:

Mimma Nocelli 
con Halleymedia

Collaborazione all’immagine:

manifesto di Gregorio Botta

Progetto grafico:

design Massimiliano Patrignani 

Monica Zaffini

Ufficio stampa:

Cristina Gregori

Barbara Izzo per Civita

DETTAGLI

Luogo: 

Fabriano (AN), Pinacoteca Civica 


Committente: 

Kind Art, Fabriano


Anno di redazione: 

2015


Anno di realizzazione: 

2015


Impresa: 

Guidobaldi S.r.l., Gabriele Simei, Nuova Ciem

RASSEGNA STAMPA

quotidiani
servizio Rai3 – La casa di Ester

Previous
Next

Ester Merloni, scomparsa sei mesi fa a 93 anni nella sua casa di Fabriano, ha voluto lasciare la propria collezione di opere d’arte alla città nella quale ha sempre vissuto e che ha profondamente amato. Appassionata d’arte, Ester ha collezionato nel corso della sua vita opere di alcuni tra i protagonisti del 900 italiano: Balla, De Chirico e Savinio, poi De Pisis, Turcato, Dorazio, Capogrossi, Burri, Fontana, Manzù, Mannucci, Afro sino a Arnaldo Pomodoro, Castellani, Piero Manzoni, per terminare con Nunzio. L’ Amministrazione Comunale ha deciso quindi di allestire le tre sale del piano terra della Pinacoteca Civica, per accogliere la collezione in modo permanente, inaugurando così la sezione di arte moderna e contemporanea.Il progetto di allestimento ha affrontato tre principali questioni: il criterio espositivo; il rapporto con il valore storico e architettonico delle sale, cercando di coniugare le diverse caratteristiche delle sale; il ruolo della collezionista e il grande affetto che la città le riconosceva.Il progetto illuminotecnico ha privilegiato il delicato contrappunto tra una minimale illuminazione d’ambiente, volta ad esaltare esclusivamente gli elementi decorativi della fabbrica, ed un’illuminazione più precisa e concentrata sulle singole opere.

SI RINGRAZIA
Il Comune di Fabriano per aver concesso le sale della Pinacoteca Bruno Molajoli, e la fattiva collaborazione.
Il sindaco: Giancarlo Sagramola
L’assessore alla cultura: Barbara Pallucca
La direttrice della Pinacoteca: Melissa Riccardi
Il dirigente servizi tecnici: Roberto Evangelisti